CIVILTA' DELL'ORIENTE - BUDDHISMO


OPERE DI DAI DO STRUMIA


1ª edizione 1999

Dai Do Massimo Strumia


PRESENZA CONSAPEVOLE


Shikan - Taza


Dalla lettura dei testi di buddhismo-zen si traggono i principi di carattere teorico-pratico.
Ma la realtà zen è meditazione che non si raggiunge attraverso un itinerario di apprendimento culturale, ma per mezzo di maestri e di pratiche costanti.
Dai Do Strumia ci racconta con semplicità il suo cammino nel buddhismo, dagli inizi degli anni ‘70 al 2010, anno della sua morte.

pp. 104, € 10,00
ISBN 978-88-85142-49-7


1ª edizione 2009

Dai Do Massimo Strumia - Kosho Uchiyama Roshi


IL CAMMINO DEL CERCATORE


Il Cammino del Cercatore riunisce due testi molto importanti per chi, oggi, si dedica alla pratica e allo studio del Buddhismo: il testamento spirituale di Kosho Uchiyama Roshi, uno dei maestri Zen Soto del XX sec. più conosciuti in occidente, pronunciato lasciando la carica di abate del monastero di Antai-ji, e il commento che ne ha fatto un quarto di secolo più tardi un altro insegnante, il rev. Massimo Dai Do Strumia, discepolo di Koho Watanabe Roshi, il successore di Kosho Uchiyama Roshi.
Esso rappresenta una preziosissima occasione di studio e riflessione sui fondamenti della scuola Zen Soto in particolare, ma anche dell’insegnamento buddhista in senso generale; un apparato molto dettagliato di note fornisce, inoltre, informazioni utili e, talvolta, di difficile reperibilità.

pp. 264, € 17,00
ISBN 978-88-96093-03-0


OPERE DI DAI DO STRUMIA


1ª ediz. 1983 - 2ª ediz. 1999

Ghesce Rabten Rimpoce


UN LAMPO DI VACUITÀ


Il Sutra del «cuore della saggezza»


A cura di Edmondo Turci


L’unità dell’essere, l’intuizione che traspare in ogni manifestazione del mondo visibile, è possibile raggiungerla solo se si supera il processo intellettuale, attraverso un percorso di meditazioni in grado di produrre il “Vuoto di sé”: questo è l’insegnamento del “Sutra del cuore della saggezza”. In parallelo, un saggio epistemologico di Edmondo Turci (Thubten Rinchen) sul concetto di materia e di vuoto nella fisica occidentale (da Galileo a Newton, da Mach a Einstein a Gödel).

pp. 114, € 12,00
ISBN 978-88-85142-14-5


1ª ediz. 1996

Thubten Rinchen (Edmondo Turci)


LA MENTE DEL RISVEGLIO


È amare gli altri più di se stessi


Vita ed Illuminazione di Lama Tsong Khapa e La Lode del Sorgere Dipendente


Alla fine del terzo anno di attività il Centro Studi Maitri Buddha di Torino propone questo corso monografico sulla vita ed illuminazione di Lama Tsong Khapa. È stato scelto questo insegnamento perché integra in modo efficace le più importanti riflessioni sulla “Via di mezzo” con meditazioni guidate di grande chiarezza e fascino. Si è deciso di mantenere un linguaggio vivo e diretto anche nel presente volume.

pp. 80, € 8,00
ISBN 978-88-85142-37-4


1ª ediz. 2005

Thubten Rinchen (Edmondo Turci)


COSCIENZA


Ponti sottili tra Buddhismo e Scienza


Questo libro dai risvolti multidisciplinari parla della Coscienza e dei suoi stati, del rapporto fra mente e cervello; parla dell’origine dei mondi e dei destini nella metamorfosi della vita. Tratto da una serie di conferenze date dall’autore a Trento e a Roma, conserva il fascino della comunicazione diretta. Il suo approccio è colloquiale, anche se ben supportato dalla tradizione filosofica tibetana di cui S. S. il Dalai Lama è il massimo esponente.

pp. 112, € 10,00
ISBN 978-88-85142-73-2


1ª ediz. 2000

Thubten Rinchen (Edmondo Turci)


LA VIA DI MEZZO


Con le stanze di Nagarjuna

(Madhyamaka Karika)


L’opera è il cuore dell’insegnamento di Buddha: l’interdipendenza. Il testo di Nagarjuna Madhyamaka Karika “Le stanze della Via di Mezzo” espone in 27 capitoli le ragioni che negano gli estremi di Esistenza e non Esistenza mostrando nel contempo la insostenibilità di ogni opinione. Questo è il senso esplicito della Vacuità Universale (Sunhyata) che Buddha ha insegnato nella Prajna Paramita La Trascendentale Saggezza. Nagarjuna è considerato uno dei massimi Saggi dell’India e del mondo, un secondo Buddha.

pp. 158, € 15,00
ISBN 978-88-85142-54-1


1ª ediz. 2007

Lobsang Sanghye (Edmondo Turci)


INTELLIGENZA


Neuroscienze tra ricerca occidentale e scienza della mente nel Buddhismo.

Tecniche di simulazione e paradigmi


L’autore, nel contesto della ricerca ed in particolare nei capitoli che riguardano “Paradigmi” accoglie, quale contributo fondamentale, gli insegnamenti del Buddismo nel contesto del dialogo scientifico in direzione delle scienze cognitive così come sono state promosse con grande lungimiranza da Sua Santità il Dalai Lama nell’ambito dell’Istituto Mind and Life.Questo libro è stato presentato al convegno “Neuroscienze tra ricerche occidentali e pensiero orientale” per ricordare la concessione della Laurea Honoris Causa a S. S. il XIV-Dalai Lama: Università Roma 3 – Sala del Carroccio, 19 gennaio 2007 in Campidoglio.

pp. 160, € 15,00
ISBN 978-88-85142-89-3             


1ª ediz. 2010

Lobsang Sanghye (Edmondo Turci)


IL PENSIERO UNICO E LA VITA INFINITA


Tornare a Nagarjuna


Questo libro parla della mente, della coscienza, dei meccanismi dell’umano conoscere e del destino e di come questi temi siano stati analizzati e sviluppati in Oriente e in Occidente. In esso si pongono questioni fondamentali riguardo il pensiero occidentale e si mostra il contributo che l’Oriente e il Buddhismo possono dare a problematiche attuali. Tratto da una serie di lezioni tenute a Torino, il testo ha come fondamento la tradizione filosofica indotibetana di cui S.S. il Dalai Lama è il massimo esponente.

pp. 96, € 10,00
ISBN 978-88-96093-10-8       


1ª ediz. 2014

Lobsang Sanghye (Edmondo Turci)


LA LEGGEREZZA DELLA SOLITUDINE


Chi ha assaporato la dolcezza della solitudine ed il succo della calma interiore, costui è senza dolori, senza peccato.


Come un De Rerum Natura dei nostri giorni, questo libro parla della natura delle cose, del dolore e della felicità: Shakyamuni ed Epicuro, due vie. Di Lucrezio questo libro ha la passione per la ricerca e la vena poetica, forte e naturale.  Per la ricerca scientifica, e per l’impegno nella difesa della cultura Tibetana, l’autore ha ricevuto il premio Pannunzio – Torino libera: Valdo Fusi (2008)

pp. 192, € 18,00
ISBN 978-88-96093-40-5     


1ª ediz. 2016

Edmondo Turci (Lobsang Sanghye)


 MENTE E VITA


Il colombo ed il falco


Il libro raccoglie le più rilevanti riflessioni sulla natura delle cose e dei saperi. Ogni cosa, come il colombo, (dice l’autore) è la naturale preda del falco/vita. Colombo è anche l’eterno bimbo che c’è in noi, nascosto dal falco. Le cose come sono, la inaudita risposta di Gotama scosse il pensiero Europeo della metà dell’800, con suggestioni protobuddhiste e la visione neo-Kantiana di A. Schopenhauer. Ad oggi, quale è l’esito del confronto con i molti studiosi e scienziati che hanno dibattuto e scritto intorno a quell’insegnamento?
C’è bisogno di un nuovo Buddhismo Europeo ha suggerito in più occasioni, il XIV Dalai Lama.

pp. 192, € 18,00
ISBN 978-88-96093-65-8 


1ª ediz. 1997

Ivana Cortelazzi


PERCORSI DI LIBERAZIONE


Psicologia e Buddhismo


Il libro è tratto da un corso annuale tenuto dalla psicoanalista Ivana Cortelazzi al Centro Studi Maitri Buddha di Torino. L’autrice ha saputo accostare in modo interessante ed utile Psicologia e Buddhismo, Religiosità e Psicoterapia. In esso si pongono problemi fondamentali e si invita a riflettere sul mistero della creatività e dell’altruismo, qualità presenti anche nel comportamento animale. Vengono anche suggerite meditazioni coinvolgenti che aprono la mente alla comprensione intuitiva degli stati dissolutivi e della coscienza.

pp. 112, € 10,00
ISBN 978-88-85142-43-5


1ª ediz. 1997

Padmasambhava


CONSAPEVOLEZZA


Rigpa


A cura di Giuseppe Baroetto


Sebbene le sacre scritture siano infinite come l’estensione del cielo, in definitiva il loro senso è l’indicazione della consapevolezza.
Questa breve ma importante raccolta di consigli essenziali sulla vera conoscenza di sé tramite la nuda consapevolezza fu trasmessa in Tibet nel sec. VIII dal grande maestro indiano Padmasam­bhava; immediatamente occultata, essa venne riscoperta nel sec. XIV insieme al cosiddetto “Libro tibetano dei morti”.