autori


Carla Perotti, laureata in filosofia, scrittrice e giornalista, condivide da sessanta anni l’esperienza dello Yoga. Allieva di George
Dharmarama e poi di Jean Klein, nel 1958 ha fondato a Torino l’Associazione culturale italo-indiana, favorendo in tal modo la conoscenza
del mondo orientale. Tra i suoi libri ricordiamo “Il giardino della guarigione”, “I miei maestri”, “Essere Yoga”, “Gli ideogrammi del benessere”, un saggio sulla pittografia cinese. “Sadhana” è il nome dell’Istituto di Torino, fondato da Carla, in cui si tengono conferenze, incontri culturali, gruppi di meditazione, attività legate alle visualizzazioni e al rilassamento, all’influenza del cibo sulla salute. Il nome dell’Istituto significa “la via che conduce verso il Sé”, verso ciò che veramente siamo oltre i ruoli che la vita ci
ha affidato.

Cesare Falletti, consacrato sacerdote nel 1966., nel 1967 è chiamato a Torino come vicedirettore del nascente seminario per le vocazioni adulte. Nel 1971, seguendo la chiamata alla vita monastica, diviene monaco cistercense nell’antica Abbazia di Lérins, in Francia.  In seguito è nominato priore. Nel 1995 è mandato ad aprire una nuova fondazione: il monastero “Dominus Tecum” di Pra’d Mill a Bagnolo Piemonte (CN), nella diocesi di Saluzzo.

Charles Stanley Nott, (1887 - 1978) nacque nel Bedfordshire. Allo scoppio della prima guerra mondiale si arruolò nell’esercito canadese e partecipò ad una spedizione in Russia. Al suo ritorno acquistò una libreria nel centro di Manhattan (New York); poco dopo sempre a New York, incontrò A. R. Orage che lo introdusse all’Insegnamento di Gurdjieff e alle attività da lui promosse a Fontainebleau (Francia). Si trasferì a Londra con la moglie Rosemary Lillard, allieva di Gurdjieff, e intraprese la professione di editore. Ritornò a N. Y. e divenne autore. Nel 1947 avviò la Janus Press, con la quale pubblicò lavori di Orage e la traduzione del racconto allegorico persiano di Attar La conferenza degli uccelli.

Chicca Morone, vive e lavora a Torino. Librettista, poetessa, giornalista, scrittrice, grafologa e musicoterapeuta, ha collaborato con “Il Giornale dell’Arte” e “Il Sole 24 Ore” prima di esordire in campo letterario con romanzi e raccolte poetiche.
È presidente fondatrice de Il Mondo delle Idee (1994).
Ha partecipato a Firenze alla presentazione del Manifesto del Mitomodernismo, corrente letteraria che vuole mettere in luce i simboli legati al mito nella realtà contemporanea.

Claudio Trapani, biologo, specialista in microbiologia, è stato responsabile del settore immunologia presso il laboratorio analisi dell’Ospedale Mauriziano di Torino, occupandosi prevalentemente di autoimmunità e allergologia. Accanto all’interesse per la scienza, la personalità eclettica dell’autore lo ha portato ad interessarsi di numerose altre discipline quali la filosofia, la magia, la fantascienza e l’esoterismo, nonché di discipline orientali come l’aikido, che tuttora insegna, e lo shiatzu. Nel 1978 ha fondato insieme con Enrico Repetto, autore delle illustrazioni di questo libro, la compagnia teatrale amatoriale "Greenwich Villane Theatre", portando in scena oltre cento spettacoli, molti dei quali scritti da lui. 


Costanzo Allione, filmaker e “ricercatore spirituale”, per vent’anni si è dedicato a realizzare filmati su maestri e ricercatori spirituali noti e meno noti,fino a fondare con la moglie Anna Saudin l'Associazione Where The Eagles Fly.

Con la moglie dice: "Impegnati a documentare la conoscenza degli sciamani in molte regioni del nostro pianeta, siamo stati particolarmente colpiti dal processo di rinascita religiosa e dal fermento culturale nei paesi dell’ex Unione Sovietica nel

periodo della perestroika. Tanto che, sin dal 1994, decidemmo di contribuire alla salvaguardia delle antiche tradizioni siberiane diffondendo la conoscenza sciamanica e dando voce e spazio agli stessi sciamani in occidente. Gli sciamani siberiani odierni hanno studiato, e sono in grado di spiegare al mondo il significato del proprio lavoro e la difficoltà della loro missione. Dal 1995 abbiamo incominciato ad invitare in Italia sciamani siberiani come Nadia Stepanova, Sodnom Boo, Tserin Zarin Boo, Ai-Tchourek Ojun, Nikolaj Oorzak, Vera Sazhina e via via molti altri, dai diversi continenti, per cicli di seminari conferenze e congressi, come “La Guarigione della Madre Terra” e “Donne di saggezza”. L’unità con la Natura è l’obiettivo più elevato degli sciamani che ci aiuta a comprendere che non siamo soli sulla terra, ma che dipendiamo per la nostra vita da tutti gli esseri che ci circondano. Il loro antico insegnamento mai come oggi è di grande attualità e soprattutto di grande utilità a tutti noi. Stiamo vivendo un periodo molto complesso e gli sciamani non vogliono più operare in segreto ma vogliono condividere con noi la loro conoscenza, e innanzitutto aiutarci ad integrare queste conoscenze nel nostro quotidiano per riportare forza e chiarezza dentro di noi. L’Associazione Where The Eagles Fly, in questi anni, è diventata un punto di incontro e confronto per sciamani che provengono da ogni parte del mondo ma che condividono la medesima visione: aiutarci a vivere una vita migliore, nel rispetto della Madre terra".