autori


Daniel Odier diviene discepolo di Kalu Rinpoche nel 1968. Segue i suoi insegnamenti e riceve da lui la trasmissione di “Mahamudra”. Affascinato dal Chan (lo zen cinese delle origini) studia la vicinanza tra il Chan ed il Tantra, ispirato dai lavori dell’eremita cinese Chien Ming Chen, incontrato a Kalimpong nel 1968.Qualche anno più tardi, in un eremitaggio Himalayano, Daniel segue l’insegnamento della sua maestra kashmira, la yogini Lalita Devi, dalla quale riceve nuovamente la trasmissione di “Mahamudra” e degli insegnamenti mistici più profondi delle scuole “Pratyabhijnâ” e “Spanda” della tradizione “Kaula”. Daniel si dedica per alcuni anni all’insegnamento del tantrismo e del buddismo in numerose università americane, ma decide in seguito di abbandonare l’approccio accademico, per incoraggiare la pratica indipendente conducendo seminari in diversi Paesi. Nel 2004, in Cina, riceve la trasmissione del lignaggio di “Zhao Zhou” (778-897) Grande Maestro Chan (Zen) cinese Jing Hui, erede del dharma di Xu Yun (1839-1959) considerato come il più grande maestro cinese del XX secolo e detentore dei cinque lignaggi del Chan. Riconosciuto come Sifu (maestro Chan) Daniel riunisce così nel suo insegnamento le due vie che lo toccano più profondamente. Propone un buddismo laico in diretto contatto con la realtà quotidiana toccando l’essenza del Chan al di fuori delle forme classiche della presa dei rifugi, dei voti e degli altri impegni formali. I suoi libri sul tantrismo, tradotti in otto lingue, trattano gli aspetti più profondi della via tantrica shivaita e del Chan.


Dario Chioli, nato il 28 gennaio 1956, poeta, ricercatore e studioso, ha curato per la Libreria Editrice Psiche: Storie di  Nasreddin (insieme con Gianpaolo Fiorentini, 2004); Juan de la Cruz, L'ascesa al Monte dei Melograni. Tutta l’opera misticopoetica estesamente commentata (2005); Alfred Richard Orage, Studi sull'anima e sulla coscienza (2007); Swāmī Vivekānanda, Gli Aforismi sullo Yoga di Patañjali (2009) e la Bhagavadgita di Ramacharaka (2014). Presso Magnanelli Edizioni ha pubblicato: Percorsi nella qabbalà (2000); Come far fuori il proprio guru e vivere felici (2001); Trenta luci. Mantenere la propria umanità nel mutamento (2005). Molti altri lavori saggistici e letterari si trovano sul suo sito www.superzeko.net.


David Racah è nato a Genova nel 1951.

Dopo una laurea in Economia e Commercio e un Master in Gestione Aziendale, si specializza in consulenza direzionale nel settore della finanza e del controllo di gestione.

Dopo alcuni anni di pratica professionale, lascia il lavoro per incontrare un curandero e maestro messicano di cui aveva sentito parlare da un'amica.

Segue il maestro per diversi anni e ne porta l'insegnamento in Italia, fondando una trentina di gruppi di crescita personale e di meditazione.

Nel 2005 pubblica il libro: "istruzioni per il Cammino Interiore", edito da Psiche, Torino.

Attualmente dirige l'Accademia di Psicocibernetica, con sede a Torino.

Diana Pennacchia, studiosa di astrologia psicologica, Tarocchi e discipline esoteriche, condivide e sintetizza, nel suo lavoro, la sua profonda pluridecennale esperienza nella interpretazione dell’antichissimo Libro dei Mutamenti o I Ching. I suoi studi hanno lo scopo di fornire una chiave di lettura dell’I Ching orientata ad evidenziare il messaggio sacro del testo e la correlazione tra le religioni orientali e occidentali, attraverso un linguaggio che sia di facile comprensione, pur mantenendo inalterati la profondità e l’immenso patrimonio di saggezza del Testo originale.


Domenico Di Marzo è nato a Trapani il 17.5.1946 ma ha vissuto principalmente a Milano e a Torino, dove ha completato i suoi studi. Interessato alle civiltà orientali in tutti i loro aspetti, attraverso lo studio delle lingue e dei testi della letteratura sacra ha cercato di interpretarne il significato come

espressioni differenti di una conoscenza unica. Ha compiuto viaggi in India, Cina e Tibet nell’intento di un approfondimento culturale e spirituale anche attraverso la conoscenza diretta degli usi e costumi. Ha partecipato a diverse iniziative culturali mediante conferenze, saggi, traduzioni e diffusione delle idee e dei testi originali, che sono alla base dello sviluppo spirituale orientale e occidentale.