autori


Giampiero Boveri (23/04/1943-18/05/2004), Arch. e Ing., cattedra di tecnica delle costruzioni (Facoltà di Agraria Università di Torino). Studioso delle filosofie orientali, di Feng-Shui. A fine anni ’60 è discepolo del Prof. K. Dürckheim. Negli anni ’70 entra in contatto con la scuola di Gurdjieff.

Conosce i Maestri Y.Donden ed Engaku Taino, Chang Dsu Yao, Ming Wong C.Y, e G. Muradoff. Negli anni ’90 ha cominciato a costruire secondo i metodi tradizionali sulla collina torinese un centro interdisciplinare, dove poter riunire tutte le sue conoscenze, interrotto poi dalla sua morte.


Gianpaolo Fiorentini è stato studioso di miti e metafisiche occidentali e orientali, con speciale attenzione all’aspetto simbolico. A lungo attivo nel buddhismo italiano, è stato redattore delle riviste «Paramita. Quaderni di buddhismo» e «Occidente buddhista». Ha pubblicato Râma e Sîtâ. La storia d’amore dell’India (Magnanelli, Torino 2006) e Coppie fatali (Venexia, Roma 2010).

In  collaborazione con Pandemia: La meditazione tantrica per la coppia (Xenia, Milano 2001), Almanacco pagano. Festività e riti dell’antica Roma (Macro, Cesena 2004), Meditazioni creative e Ritiri creativi di meditazione (Magnanelli, Torino 1999 e 2001), Ars Regia (Quintessenza, Varese 2007). In collaborazione con Dario Chioli: Storie di Nasreddin (Psiche, Torino 2004), e con Sandra Parolin e Parivarto Viglierchio: Tarocchi buddhisti (Psiche, Torino 1995).


Giorgio Ajraldi , medico chirurgo, nella sua ricerca professionale e personale nell’ ambito dei processi di guarigione, si è formato in diversi campi del sapere medico.

Dopo essersi laureato in medicina con tesi in medicina psicosomatica ha conseguito la specializzazione in chirurgia generale, perfezionamento in chirurgia epatobiliare e ha completato la sua formazione chirurgica presso il Policlinico Universitario di Heidelberg.

Ha lavorato attivamente in questo ambito occupandosi di chirurgia generale, laparoscopica e robotica, diagnostica ecografica ed endoscopia digestiva, con interesse in particolare rivolto alle malattie del apparato digerente. Contestualmente ha conseguito una formazione in Medicina Psicosomatica, terapia Gestaltica, Programma zione Neurolinguistica, Ipnosi Ericksoniana e Terapie Integrate. É stato per diversi anni allievo del dr. ClaudioNaranjo nello studio delle strutture di personalità in relazione all’Enneagramma, tecniche meditative e lavoro sugli stati di coscienza. Attraverso di lui è entrato in contatto con il pensiero di Idries Shah e successivamento con quello di Omar Ali Shah, il cui insegnamento ha rappres entato un punto fondamentale nell a sua formazione personal e. Nel campo delle Medicine Tradizionali si è occupato di Medicina Tradizionale Cinese, Agopuntura, Medicina Tibetana, Naturopatia e Fitoterapia. Attualmente la sua attenzione è particolarmente rivolta allo sviluppo di un modo comprensivo di intendere la realtà della sofferenza con l’intenzione di esplorare quanto questa comprensione possa cambiare i concetti di malattia e guarigione.


Giovanni Cordero, funzionario della Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici del Piemonte come responsabile per l'arte contemporanea e il mercato antiquario. Ha svolto attività di ricerca e docenza presso l'Università "La Sapienza" di Roma, l'Università di Torino, l'Accademia delle Belle Arti di Cuneo ed è stato Direttore dell'Accademia di Belle Arti di Sanremo.

Dirige l'Istituto di Ricerca e documentazione europeo: arte tecnoscienza e cultura.


Giovanni Grasso (Avigliana, TO), studioso documentato e appassionato di una molteplicità di discipline attinenti all’ambito spirituale, terapeutico ed esoterico, si è impegnato attivamente per ricercare un collegamento operativo fra la Sapienza
Antica di provenienza indo-egizia e la Teosofia, trasponendo un’esperienza personale di forte spessore in un innovativo percorso di conoscenza e di attivazione spirituale.


Giuseppe Chiaretta. Perito agrario - Medico Veterinario; Doctor of Science of Oriental Medicine

Associated Professor Academy of T.C.M. Pechino - Heilpraktiker. Docente Associazione Italiana Omotossicologia dal 2002 al 2004. Docente Società ItalianaMedicina Funzionale dal 2007 al 2008.

Docente Scuola Agopuntura Tradizionale di Firenze dal 2005 al 2008. Allievo del monaco taoista Prof. J. Yuen. Autore della collana dei manuali di consapevolezza “La bussola del modello universale”. Cosciente di essere guidato da forze superiori esterne a me e grato dei talenti ricevuti, osservo che la vita è benedetta da “incontri” che ci

fanno dono della loro sapienza e della loro luce. Avverto così il desiderio di partecipare agli insegnamenti e con passione praticarli condividendoli.

Ai manuali della “Bussola del modello universale” è affidata la speranza di aiutare l’uomo del III millennio, indicando i sentieri e gli strumenti che aiutano a dare stabilità alla vita, liberandoci dall’ansia e dallo stress dei nostri giorni, prima che si trasformino in sintomi e malattie.


Giuseppe Tirone, psicoterapeuta e analista, nato ad Asti nel 1944, con il Prof. Franco Granone ha fondato nel 1979 a Torino, il Centro Italiano di 

Ipnosi Clinica e Sperimentale (CIICS). È stato didatta della Scuola post universitaria di ipnosi del CIICS curando in particolare la formazione degli allievi ipnologi-psicoterapeuti.

Dal 1980 è stato psicologo-psicoterapeuta del Gruppo di Assistenza Donne operate al seno (GADOS) che ha sede presso l’ospedale S. Anna di Torino, e si occupa della formazione psicologica delle volontarie dell’Associazione e del sostegno psicologico delle donne malate di carcinoma mammario.


Guenther Wachsmuth, nasce il 4 ottobre 1893 a Dresda, in Germania. Nel 1919 si reca col fratello a Dornach per un primo colloquio con Steiner e il 26 settembre del 1920 partecipa alla cerimonia di inaugurazione dei primi corsi della “Libera Università di Scienza dello Spirito” presso il Gotheanum di Dornach, dove decide di trasferirsi,

scelto come collaboratore. In seguito incontra e diviene amico di Ehrenfried Pfeiffer dedicandosi con lui alle scienze naturali e fondando un laboratorio di ricerca all’interno del Gotheanum. Ai due viene affidato il compito da Rudolf Steiner di una moderna scienza del vivente e quindi dell’elaborazione di una “teoria sistemica delle forze plasmatrici”. Dal 1921 al 1924 è assistente e segretario di Rudolf Steiner e poi tesoriere nella nuova fondazione della Società Antroposofica con compiti su una sezione sulle scienze naturali e una sulle scienze sociali. Nel giugno 1924 presenzia al corso di Rudolf Steiner d’inaugurazione del metodo di coltivazione “biodinamico”. Alla morte di Steiner si impegna nel seguire i lavori del nuovo edificio del Gotheanum; solo grazie a lui l’edificio riuscì a resistere alla crisi finanziaria della guerra e a continuare con il lavoro scientifico e artistico riprendendo così le attività. Dirigerà come presidente l’Associazione per il lascito letterario di Rudolf Steiner. Ha giocato un ruolo unificante con Ita Wegman ed Elisabeth Vreede sin dalla fine degli anni 1920 con un attaccamento crescente ad Albert Steffen. Muore il 2 marzo 1963 a Dornach, in Svizzera, alla soglia del compimento del suo settantesimo anno.


Gurdjieff G. I., nacque il 13 Gennaio 1877 ad Alessandropoli, oggi Leninakan nella provincia di Kars in Armenia. Fu educato da prima alla grande tradizione orale propria delle regioni a sud del Caucaso, poi a rigorosi studi scientifici e ad una profonda educazione religiosa da sacerdoti armeni. Dopo aver viaggiato a lungo in Europa, Africa, Medio Oriente, Asia centrale per raccogliere i frammenti sparsi delle antiche tradizioni di saggezza, si dedicò a ricostruire organicamente la conoscenza della verità perduta e a trasmetterla agli occidentali attraverso l’insegnamento e, più tardi, una serie di libri ancora oggi fondamentali per tutti coloro che sono interessati alla ricerca spirituale. Morì a Parigi il 29 ottobre 1949.